Lettere appassionate.

FridaKahloeDiegoRivera

A Diego Rivera.

23 luglio 1935

[…]

Una certa lettera, vista per caso, in una certa giacca, di un certo signore, scritta da una certa signorina che viene dalla lontana e maledetta Germania, e che immagino dev’essere colei che Willi Valentiner ha mandato qui a spassarsela con scopi “scientifici”, “artistici” e “archeologici”…mi ha causato molta rabbia e , a dir la verità, gelosia…

Perché dovrei essere così sciocca e permalosa da non capire che le lettere, le tresche, le insegnanti di…inglese, le modelle gitane, le assistenti di “buona volontà”, le allieve interessate all'”arte della pittura” e le inviate plenipotenziarie da luoghi lontani sono solo avventure, e che in fondo io e te ci amiamo tantissimo, e anche se passiamo attraverso innumerevoli avventure, porte sbattute, insulti e lamenti a livello internazionale, continuiamo ad amarci? Credo che dipenda dal fatto che sono un tantino stupida perché tutte queste cose sono successe e si sono ripetute durante i sette anni vissuti insieme; e tutta la rabbia che ho ingoiato mi ha semplicemente fatto capire meglio che ti amo più della mia stessa vita, e che anche se tu non mi ami allo stesso modo, comunque mi ami – non è così? E pur se ne dubito, mi rimarrà sempre la speranza che sia così, e di questo mi accontento…

Amami un poco               io ti adoro

                                                                     Frieda

 

lettereappassionate

Frida Kahlo – Lettere appassionate

Arianna

 

 

Annunci

20 pensieri su “Lettere appassionate.

  1. L’amore che va oltre le promesse di noi gente comune: … ti amerò per sempre! … sarò solo tuo! … non ti lascerò mai! … non c’è nessun’altra oltre te!.
    Amore vero. Voglia solo dell’altro indipendentemente da tutto. Indipendentemente da ciò che l’altro fa e pensa. Nella speranza che ricambi, senza imposizioni.
    Potrà mai essere la passione per Frida essere paragonabile alla passione di Frida?

    Grazie Arianna, acuta e preziosa come sempre.
    Buona notte e un abbraccio.
    Guido

    Piace a 1 persona

    • Bella domanda, Guido! Forse non è stata amata come lei amava; è stata una donna abituata a convivere con il dolore e la malattia e forse questo le ha permesso di guardare oltre, di aggrapparsi con tutte le sue forze a quello che la faceva sentire viva, malgrado tutto. A me piace pensare a lei come simbolo della forza della bellezza in ogni forma…d’arte, d’amore, di passione, di coraggio.
      Grazie per la visita e per le belle parole, come sempre, Guido!

      Mi piace

      • Una risposta non definitiva, sì! Se qualcosa ti fa emozionare e ti riempie il cuore, quel qualcosa va comunque vissuto, malgrado tutto. Anche se non me lo augurerei né lo augurerei a nessuno. Risposta non definitiva e nemmeno chiara, mi sa!! Tu quale risposta ti sei dato?

        Mi piace

      • mi sa che la mia è una risposta da vecchietto…io credo che la vita sia una sola, che il cuore ce lo dice quando le cose sono sbagliate e che ognuno può fare quello che vuole, anche rovinarsi la vita (che come pensavo stamani andando in moto, è molto funzionale alla produzione poetica ed artistica) ma non mi venga a raccontare che è perché aveva scambiato quello come il luogo della felicità…

        Piace a 1 persona

      • Io la penso come te, gli amori tormentati non sono Amori per me. Però da un po’ di tempo a questa parte mi sto accorgendo che sto diventando più “cauta” e soprattutto “morbida” (sto invecchiando anche io) All’inferno anche una piccola finestrella sul paradiso è il paradiso. Forse in una vita segnata dal dolore, un amore così è il minore dei mali , un pezzetto di paradiso. Chissà!

        Piace a 1 persona

  2. Pingback: Socializzazione se vi piace…

  3. amore tormentato e anticonvenzionale il loro, intenso eppure ricco di quelli che noi semplici non possiamo che chiamare tradimenti (anche Frieda mi risulta abbia fatto la sua parte), amore affascinante da osservare nelle vite degli altri ma devastante a viverlo in prima persona.
    ml

    Piace a 1 persona

  4. Vero. E impossibile da definire, catalogare e giudicare, se non direttamente interessati. Molto affascinante, concordo, malgrado tutto. E forse la risposta è proprio questa, meglio viverselo un amore così , dolore incluso, piuttosto che non amare affatto.
    Grazie per la visita e per il commento, Massimo!

    Mi piace

  5. Evocativa e davvero attuale questa profonda lettera….
    Riesce ad essere amorevole e dolce ma insieme anche aspra e triste, racchiude un arcobaleno di sentimenti che tutti abbiamo provato almeno una volta e forse per questo nel leggerla riusciamo a riconoscere anche un po’ di noi, con tutti i dubbi, difficoltà ed emozioni che ci portiamo nel cuore…
    Grazie per aver condiviso questo estratto, che sicuramente fa molto riflettere!

    Piace a 1 persona

Rispondi a guidodamiano Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...